Autorizzazione all’uso dei cookie

Tu sei qui

Mostra:Diari per gli occhi

 

Diari per gli occhi
a cura di Simone Martinetto

coordinamento Mariangela Zaffani

FOTOGRAFIE, DISEGNI, PAROLE DEI GIOVANI
ARTISTI DEL LICEO ARTISTICO ARCANGELI DI BOLOGNA
CLASSI COINVOLTE: 4B, 4C, 4D, 4I, 3I

Togliersi per un momento dalla propria pelle e indossare quella di un’altra persona è una fantasia che penso abbiamo avuto in molti. Sovrapporsi allo sguardo di un altro e immaginarsi di vedere con i suoi occhi è un’esperienza simile, colma di valori positivi. Oppure farsi narratori e inventare un modo di raccontare l’altro. In questo mondo che spesso pone troppa attenzione all’individuo e favorisce una visione egocentrica questa è un’operazione fondamentale.

Immaginate ora un gruppo di ragazzi, giovani artisti del Liceo Arcangeli di Bologna, cimentarsi con la creazione di diari dedicati ad un’altra persona, regalando tempo, cura ed esplorazione dell’universo interiore ed esteriore della persona scelta fino a realizzare una sequenza di fotografie, accompagnate a volte da testi, disegni e collage.

Pensate alla loro età di adoscelenti e al loro lavorare per riscoprire la relazione che li lega a questa persona, togliendosi per un po’ dall’osservazione di se stessi come separati dagli altri. Ognuno ha scelto un amico, un parente, un genitore, un nonno, il proprio ragazzo, un semplice conoscente o un senzatetto che vedeva spesso per strada e con cui non aveva mai parlato. E alcuni di loro si sono adoperati con anima e corpo per dedicargli un diario a base di fotografie.

Durante questo percorso i ragazzi sono stati guidati alla scoperta delle tecniche base della fotografia ma anche del suo linguaggio e del senso profondo insito nel “medium”. La fotografia è uno strumento perfetto per fare questo, perché esprime sempre un rapporto tra chi fotografa e chi è fotografato. La buona fotografia è sempre un atto d’amore. E’ un collante che, anche se per un brevissimo istante, crea un rapporto di simbiosi tra il nostro mondo interiore e il mondo fuori, tra noi e gli altri. Sul piatto della bilancia della fotografia c’è sempre, da una parte, l’oggetto su cui puntiamo gli occhi, con il quale possiamo anche giocare ad immedesimarci, e dall’altra, il soggetto che sceglie cosa e come fotografare, cosa far vedere di sé. C’è sempre quello che Wim Wenders in una sua poesia ha definito il “controscatto”, ovvero il rinculo della fotografia, il contraccolpo che come quando si usa un fucile, ci respinge indietro verso noi stessi. E’ quest’atto bilaterale, in avanti e all’indietro, che noi possiamo rintracciare nei diari visivi realizzati dai ragazzi.

Sono diari preziosi, perché ci permettono di esplorare vite di persone a noi sconosciute con uno sguardo che mai ci sarebbe possibile altrimenti: quello della prossimità, dell’intimità e della curiosità del cuore e della mente. Per questo sono grato a loro e alla loro energia prorompente che a volte nascondono e non riescono a tirar fuori e a trasformare, se non viene guidata e incanalata in una direzione. Quella stessa energia che invecchiando molte persone perdono e che la nostra società capitalista ormai in declino, con il suo freddo calcolo materialistico della vita e il suo gioco del mercato, comincia nuovamente ad aver bisogno di riscoprire.

Vi invito a prendere il giusto tempo per esplorare questi diari per gli occhi. Attraverso di essi potremmo sentire vibrare dentro di voi qualcosa di potente che da tempo avevamo dimenticato o al quale non avevamo dedicato abbastanza attenzione.

 

Simone Martinetto*

 

Sito realizzato e distribuito da Porte Aperte sul Web, Comunità di pratica per l'accessibilità dei siti scolastici, nell'ambito del Progetto "Un CMS per la scuola" - USR Lombardia.
Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.

CMS Drupal ver.7.59 del 25/04/2018 agg.29/04/2018